Cosa vedere e cosa mangiare a Palermo

Un viaggio alla scoperta della città della Conca d’Ora, ricca di monumenti e palazzi fastosi e di tipicità gastronomiche tutte da godere.

Palermo, capoluogo della regione Sicilia, al centro del Mediterraneo, è un luogo di grande importanza fin dall’antichità. La ricchezza della sua storia ci ha lasciato innumerevoli monumenti che ci parlano delle tante vicende di cui è stata protagonista.

Palazzi maestosi, castelli ricchi di fascino, eleganti ville liberty e splendide chiese.

Quanto durerà la vostra visita? Uno, due, tre giorni? In ogni caso non potete assolutamente perdere queste 10 cose da vedere!

1) Piazza Vigliena

Siamo in pieno centro e questa piazza a forma di ottagono, con i suoi Quattro Canti, risale all’inizio del 1600. L’ottagono è formato dall’alternanza di strade e quinte architettoniche ed è il punto di incontro tra i quattro quartieri della città antica, ovvero la Kalsa, La Loggia, il Capo e l’Albergheria.

2) Gli antichi mercati:Vucciria, Ballarò e Borgo,

La Vucciria nato come mercato della carne, una volta era chiuso da arcate, ma oggi è completamente all'aperto. Vagando a piedi nel fitto intreccio di vicoli e piazzette si possono trovare tutti gli ingredienti della cucina siciliana.
Ballarò è il più antico mercato di Palermo, frequentato giornalmente da centinaia di persone. Troverete frutta, ortaggi, verdure, carne e pesce, ma anche articoli per la cucina e la pulizia della casa. Al contrario degli altri mercati è il meno transitato dai turisti. 
Borgo è l'unico che rimane aperto fino a tardi e per questo attira moltissimi giovani che qui si danno appuntamento per trascorrere la serata.

3) La Martorana

È il monastero in cui, racconta la leggenda, le suore inventarono l’omonima frutta martorana.
La chiesa, annessa al monastero, è uno dei luoghi che meglio raccontano le moltissime culture che si sono incontrate a Palermo nei secoli.

4) Palazzo dei Normanni

Un tempo palazzo reale, oggi è la sede dell’Assemblea regionale siciliana.

5) Cappella Palatina

Costruita nel dodicesimo secolo lascia senza fiato per lo splendore dei suoi mosaici, che ne fanno una delle mete più visitate di Palermo.

6) La Cattedrale

La sua storia risale all’epoca punica; poi in epoca romana ospitò un luogo di culto cristiano. In seguito fu ricostruita in epoca bizantina per diventare una grande moschea durante la dominazione araba. E poi intervennero i Normanni, gli spagnoli, insomma oggi è un luogo unico al mondo che ha visto ogni cambiamento che ha riguardato Palermo.

7) Teatro Massimo

È il più grande teatro lirico d’Italia e il terzo in Europa per dimensioni, secondo solo all’Opéra di Parigi e alla Staatsoper di Vienna.

8) Monte Pellegrino e Grotte dell’Addaura

Guardando verso nord, vedrete l’inconfondibile sagoma del Monte Pellegrino che chiude a nord il golfo di Palermo. Potrete perdervi tra monumenti, torri, antichi palazzi e i grafiti  rupestri risalenti al paleolitico del complesso delle Grotte dell’Addaura.

9) Santuario di Santa Rosalia

Sul Monte Pellegrino, addossato alla roccia, sorge la facciata barocca del Santuario di Santa Rosalia, la protettrice di Palermo festeggiata tra il 14 e il 15 di luglio con processioni e carri.

10) Spiaggia di Mondello

In qualunque stagione vi capiterà di visitare Palermo, non potete non fare un salto alla spiaggia di Mondello e ammirare le ville in stile liberty del paesino.

Mangiare a Palermo

Potremmo raccontarvi cosa si trova sulle tavole palermitane e, invece, parleremo delle strade!

Perché Palermo è da sempre la città dello street food e mangiare per strada non è un ripiego, ma l’espressione popolare di un’antica sapienza, un rito da svolgere con tutto il tempo necessario, senza fretta. Solo così si potrà cogliere il gusto particolarissimo di questi piatti tipici, cibi speciali, frutto di contaminazioni gastronomiche che raccontano la storia del Mediterraneo.

Perdetevi a piedi tra vicoli e mercati, e vi troverete circondati da furgoncini e baracchini che dispensano cibo cucinato, alla brace o fritto, per tutti i gusti.

Assaggiate lo “sfincione”, una grossa sfoglia di pasta condita con pomodoro e cipolla, acciughe e caciocavallo. Non perdetevi “pani e panelle”, una dorata schiacciatina di farina di ceci o le arancine che non hanno bisogno di presentazione, perché le conoscono tutti... o forse si crede di conoscerle, ma quelle che si mangiano a Palermo, sarà il riso, la carne, il pomodoro, chissà, ma sono davvero un’altra cosa!

E se la sera, volete gustare delle tipicità comodamente seduti a tavola, potreste spingervi oltre nei dintorni di Palermo e visitare, nella sua provincia, i vicini paesi di Cefalù o Monreale. Anche in estate, dopo il tramonto, quando il caldo estivo si fa meno intenso, anche un’abbondante pasta con le sarde qui sarà una tentazione irresistibile.

E infine arriva il momento del dessert; sapete cosa stiamo per dire... cannolo sia! Traboccante di ricotta e spolverizzato di cannella!

Ora siete tornati a casa e vi mancano questi sapori? Oppure dovete ancora partire per la vostra gita a Palermo, ma avete già l’acquolina in bocca?

Date un’occhiata a queste ricette su Cookidoo®! Realizzarle con Bimby® sarà facilissimo, soprattutto se avete la Cook-Key® e potete prepararle in Modalità Guidata

VAI A COOKIDOO®

I nostri prodotti conquistano milioni di famiglie da oltre 130 anni, grazie alla superiorità, alla tecnologia innovativa e alla loro leggendaria durata.

Vorwerk Italia s.a.s. | 20156 Milano | C.F. e P.Iva 00793630153 | Cap.Soc. 3.821.000 i.v. | Registro Imprese di Milano n° 00793630153 | www.vorwerk.it/