Ricette tipiche del periodo di Ognissanti


Tra qualche giorno si celebrerà la ricorrenza di Ognissanti e dei defunti e abbiamo chiesto ad una delle Bimby® Community Star, Giovanna, di raccontarci questi giorni e le ricette tipiche da preparare con Bimby®.

Ecco cosa ci ha raccontato Giovanna.

“Quando la natura si veste di colori caldi e accoglienti, quando le serate si fanno più fresche e le temperature più basse possiamo dare ufficialmente il benvenuto all’autunno, stagione prodiga di frutta, verdura, doni del bosco e paesaggi affascinanti. Con l’autunno riprendiamo a cucinare ricette più ricche e, magari, leghiamo il grembiule, accendiamo Bimby® e ci lasciamo ispirare dalle prime feste autunnali come Ognissanti e il 2 novembre. Sappiamo che oggi i nostri bambini chiederebbero Halloween che, come è noto, è una festa “importata” che ha visto la sua diffusione soprattutto in tempi più recenti.


Io mi sono soffermata invece sulle feste della nostra tradizione, non meno ricche di storia, di misteriosi retroscena e di ricette fantastiche che le nonne di tutta Italia hanno sempre preparato con amore.

Il 1° novembre è la festa di Ognissanti che pare abbia avuto origine in epoca paleo-cristiana per ricordare le testimonianze e la vita dei Santi. Secondo alcuni studi avrebbe un’origine comune con Halloween in quanto deriverebbe dal Capodanno celtico che cadeva tra il 31 ottobre e il 1° novembre, notte in cui i defunti tornerebbero dall’oltretomba.

Tipico dolce dall’origine toscana di questa festività è il famoso Pan de Santi o pan co’ santi dove l’impasto del pane incontra noci e  uvetta.

Nella giornata del 2 novembre, invece si ricordano i defunti e la preparazione di dolci dal sapore antico concorre ad una tradizionale celebrazione della festività. Tante sono le usanze e le preparazioni tipiche che caratterizzano l’Italia saltellando da Nord a Sud. Il Pan de’ Morti per esempio pare abbia avuto origine in Lombardia. Si tratta di dolcini a base di amaretti, cannella, frutta secca. Per far ricordare le ossa dei morti si è soliti spolverizzare il Pan de’ morti con dello zucchero a velo. Le Ossa dei morti sono invece preparate un po’ in tutta Italia e sono caratterizzate  dalla loro consistenza croccantina. In Sicilia si chiamano “Crozzi” e sono dolci molto semplici a base di zucchero, farina, acqua e cannella. Secondo la tradizione i genitori regalavano dolci, frutta martorana e giocattoli ai bambini dicendo loro che erano stati portati dai defunti; naturalmente il tutto creava nelle case un’atmosfera di attesa, timore, mistero e anche gioia.

Restando al Sud non si può non parlare del Torrone napoletano o “Morticello”. Si tratta di un dolce a base di cioccolato che oggi vanta mille varianti ma che, in ogni caso, vuole ricordare nella forma una cassa da morto.

Concludiamo questo viaggio tra le ricette tipiche del 2 Novembre con le famose Fave dei morti il cui nome è… avvolto nel mistero. Secondo un’ipotesi pare che la fava, a causa delle sue profonde radici, ricordi sin dai tempi antichi un legame con il mondo sotterraneo e quindi dei defunti sepolti. Non essendo la fava un prodotto autunnale, questa veniva riprodotta in forma di dolce e ancora oggi viene preparata nelle case e nelle pasticcerie di molte regioni.”

Grazie a Giovanna per questo interessantissimo viaggio tra ricette e tradizione e vi invitiamo ad andare sulla Community Bimby® dove troverete altre ricette e varianti regionali da preparare in occasione di queste ricorrenze!

Vai sulla Community

I nostri prodotti migliorano la vita di milioni di famiglie da 130 anni grazie alla  tecnologia all'avanguardia e alla loro eccezionale durata.

Vorwerk Italia s.a.s. | 20156 Milano | C.F. e P.Iva 00793630153 | Cap.Soc. 3.821.000 i.v. | Registro Imprese di Milano n° 00793630153 | corporate.vorwerk.com/it/