Il tesoro delle api: il miele


Occorrono dai 3 ai 5 milioni di fiori per ottenere 1 solo kg di miele: un autentico miracolo della natura. Forse è per questo che fin dall’antichità più remota questo dolcissimo e profumatissimo alimento è stato considerato da tutte le culture e religioni un attributo della Divinità. Se già gli antichi avevano intuito il valore del miele è stata però la moderna scienza a spiegare i suoi pregi e benefici. Oggi sappiamo che in esso le api depositano molti tipi di zuccheri (glucosio, fruttosio, saccarosio), enzimi e sali minerali, ben 6 vitamine (B e C soprattutto), aromi naturali e piccole quantità di cera. Così che in soli 100 g vi sono in media 320kcal. La sua facile assimilazione e digeribilità ne fanno un alimento utile a tutti, con poche e rare controindicazioni.


I principali tipi di miele e le loro caratteristiche

Liquidi o cristallizzati, limpidi oppure opachi, ambrati, bruni, dolcissimi o leggermente amari. I tipi di miele sono tanti e la loro varietà dipende da più fattori. Innanzitutto se le api raccolgono il polline o il nettare da una sola specie botanica si ottengono mieli “monoflora”, in caso contrario il miele sarà misto. In secondo luogo la zona di produzione, e dunque la prevalenza in essa di un certo tipo di fiore o pianta determinano caratteristiche diverse. Ecco un’utile carta d’identità dei vari mieli disponibili.

  • Abete melata: non è ricavato da polline, ma da linfa zuccherina. Ricco di sostanze balsamiche e Sali minerali è un ottimo antisettico per le vie respiratorie. Simile al miele d’abete è la melata di bosco, che proviene da più tipi di piante.
  • Acacia: apprezzatissimo per la sua dolcezza è raccomandato ai diabetici leggeri perché ricco di fruttosio. E’ l’unico che conserva anche a lungo la sua fluidità, dunque il più pratico anche in cucina.
  • Arancio: profumato come i fiori dell’agrume da cui proviene è indicato ai bambini perché possiede proprietà calmanti.
  • Castagno: è ricco di tannino che gli conferisce un gusto forte e amarognolo, che sorprende chi si aspetta solo il miele dolce. E’ indicato come astringente intestinale.
  • Corbezzolo: è decisamente amaro e ha proprietà diuretiche. I buongustai lo apprezzano con pane e ricotta fresca: un accostamento insolito ma ottimo.
  • Erba medica: il miele prodotto nei campi di erba medica ha il massimo apporto di vitamine ed è indicato a scopi curativi e per le convalescenze.
  • Eucalipto: molto balsamico il più conosciuto ed efficace per le affezioni delle vie respiratorie. Il suo gusto, però, non lo rende adatto a tutte le preparazioni in cucina: meglio assumerlo a cucchiaini in caso di raffreddori o bronchiti.
  • Millefiori: è il miele più comune, che deriva da più fioriture. Colore e sapore, dunque, variano a seconda della provenienza. Per questi motivi, purtroppo, è anche il miele più facile da adulterale. Fate perciò attenzione all’etichetta.
  • Tarassaco: è un ottimo depurativo perché possiede le stesse proprietà epato-protettrici della pianta. Efficace per le disfunzioni del fegato e delle vie biliari.
  • Tiglio: è indicato come calmante del sistema nervoso ed è dunque ottimo per la preparazione di tisane serali.

Oltre ad essere estremamente buono da solo, spalmato su fette biscottate o come dolcificante per tisane o caffè, il miele è un fantastico ingrediente per moltissime ricette. E a differenza di quanto si possa credere, non solo per preparazioni dolci ma incredibilmente anche par piatti salati, anche di carne e pesce.

Lasciatevi tentare dalle nostre proposte. Qual è la vostra ricetta preferita?

Vai a Cookidoo

I nostri prodotti migliorano la vita di milioni di famiglie da 130 anni grazie alla  tecnologia all'avanguardia e alla loro eccezionale durata.

Vorwerk Italia s.a.s. | 20156 Milano | C.F. e P.Iva 00793630153 | Cap.Soc. 3.821.000 i.v. | Registro Imprese di Milano n° 00793630153 | corporate.vorwerk.com/it/